martedì 22 luglio 2014

IMPORTANZA DEL RAPPORTO TRIGLICERIDI / COLESTEROLO HDL

Siamo sempre alla ricerca di indici che ci consentano di predire il nostro stato di salute e i nostri rischi. Ora, da esami semplici e facilmente ottenibili, possiamo calcolare un parametro di rischio vascolare e cardiaco molto importante. Basta dosare nel sangue, colesterolo totale, colesterolo HDL e trigliceridi.



I dati pubblicati sono abbastanza chiari nel documentare che il livello di colesterolo totale effettivo non è il più importante fattore di rischio di malattie cardiovascolari. Dobbiamo preoccuparci del rapporto tra il livello di HDL-colesterolo "buono" e colesterolo totale.
Quindi, negli adulti, il rapporto colesterolo HDL-colesterolo "buono" / totale dovrebbe essere superiore a 0,24 (basta dividere il tuo livello di colesterolo HDL per il colesterolo totale).
O più precisamente, il rapporto colesterolo HDL/ colesterolo totale:
  • 0,24 o superiore è considerato ideale
  • sotto 0,24 - basso
  • meno di 0,10 - molto pericoloso. 

Generalmente parlando, più alto è il rapporto, migliore è l’aspettativa (più basso il rischio di un attacco cardiaco).

Tuttavia, il colesterolo HDL è collegato strettamente ai trigliceridi.

Sembra frequente, per le persone con trigliceridi alti, avere bassi valori di colesterolo HDL, e queste stesse persone tendono anche ad avere livelli elevati di fattori della coagulazione nel loro sangue, il che è poco salutare se l’obiettivo è proteggere contro la malattia di cuore (maggior rischio trombotico).

Pertanto, negli adulti, il rapporto trigliceridi/HDL-colesterolo "buono" dovrebbe essere inferiore a 2 (basta dividere il livello dei tuoi trigliceridi per il tuo colesterolo HDL).
O più precisamente, il rapporto trigliceridi/HDL:
  • 2 o meno è considerato ideale
  • 4 - elevato
  • 6 - troppo elevato

E, poiché il colesterolo HDL (lipoproteina ad alta densità) è protettivo contro le malattie cardiache, più basso il rapporto, migliore è la prognosi (cioè l’aspettativa di vita senza attacchi cardiaci). 
In altre parole, più bassi sono i tuoi trigliceridi, o più alto il tuo HDL, più piccolo diventa questo rapporto.

Oggi si ritiene che il rapporto trigliceridi/HDL sia uno dei più potenti indici predittivi di malattia cardiaca.

Un autore di un importante studio di Harvard ha affermato: "I trigliceridi elevati, da soli,  aumentato il rischio di attacco cardiaco quasi del triplo. E i soggetti con il più alto rapporto di trigliceridi / colesterolo HDL - il colesterolo "buono" - avevano 16 volte il rischio di attacco cardiaco, rispetto a quelli con il rapporto più basso di trigliceridi / colesterolo HDL, nello studio in cui erano stati esaminati 340 pazienti con infarto e 340 loro controparti sane e della stessa età”.

Questo studio, ha concluso: il rapporto fra trigliceridi e colesterolo HDL è il più importante indice di rischio di un attacco di cuore, ancora più accurato rispetto il rapporto colesterolo LDL/HDL. 

Riferimento:

Gaziano JM, Hennekens CH, O'Donnell CJ, Breslow JL, Buring JE. Fasting triglycerides, high-density lipoprotein, and risk of myocardial infarction. Circulation. 1997 Oct 21;96(8):2520-5.