domenica 13 luglio 2014

QUELLO CHE DOVRESTE SAPERE SE SIETE AFFETTI DA UNA MALATTIA CRONICA E VOLETE RECUPERARE UNO STATO DI SALUTE

Vorrei condividere con voi tutti quello che è il pensiero di Jeffrey Bland, il fondatore del The Institute for Functional Medicine, che conosco personalmente e di cui, ovviamente, condivido il pensiero. Questo perché è assolutamente importante che ognuno di noi si senta più responsabile della propria salute e del proprio benessere.

Quella che noi oggi definiamo come "malattia" è in realtà uno squilibrio di uno dei processi fisiologici di base del nostro organismo.
Mentre può essere conveniente mettere assieme un po’ di sintomi e chiamarli "malattie", questo non è il modo di affrontare ciò che ci rende malati. Non è il modo con cui pensare alle cure mediche, a fronte di un modello in evoluzione dei problemi della salute associato al fatto che viviamo una vita più lunga, "ma si deve pensare che le nostre vite sono sempre più limitate e gravate da salute subottimale".
Esistono sette processi fisiologici fondamentali che riguardano tutti i sistemi del nostro organismo, e gli squilibri possono verificarsi in qualsiasi, ma anche in tutti loro. Questi squilibri determinano l’origine della stragrande maggioranza delle malattie croniche. Qui si elencano i sette processi fondamentali:

  • Assimilazione e eliminazione. 
  • Disintossicazione. 
  • Difesa dell’organismo. 
  • Comunicazioni fra cellule. 
  • Trasporto cellulare. 
  • Energia. 
  • Struttura.

Conosciamo bene come un evento in un sistema possa coinvolgere contemporaneamente altri sistemi, come pure conosciamo bene come i miglioramenti di un unico sistema possano influenzare negativamente qualche funzione in un altro sistema (per sistemi si intendono quello digestivo, immunitario, circolatorio ecc.).
I medici di medicina funzionale sono alla ricerca di squilibri — sia all'interno di diversi componenti di un sistema fisiologico sia tra sistemi. Trovare e indirizzare il processo fisiologico che è fuori di equilibrio, e infine affrontare i problemi di salute cronici. Ecco come far sì che i sintomi scompaiano.
Non esistono due persone con la stessa malattia.
Il Dott. Bland, fondatore del The Institute for Functional Medicine, cita spesso questa frase: “Un mio collega, un MD straordinario e compassionevole, una volta disse: "se hai incontrato un bambino con autismo, allora hai incontrato un bambino con autismo."”
È una dichiarazione semplice ma profonda. In più, è un concetto che è applicabile estensivamente a tutte le malattie croniche (le malattie croniche sono tutte quelle che rientrano poi nelle maggiori cause di morte: malattie cardio e cerebrovascolari, malattie metaboliche diabete compreso, cancro, malattie autoimmuni ecc.). La tua malattia di cuore non è la stessa della mia. Chi soffre di diabete di tipo 2 non è proprio come tutti gli altri con diabete di tipo 2. Le persone affette da artrite reumatoide o malattia di Alzheimer non sono mai del tutto simili agli altri con la stessa diagnosi.
Tutte queste cosiddette malattie sono disfunzioni del funzionamento fisiologico di ciascun individuo. Esse sono dovute a varie cause, e richiedono approcci terapeutici diversi uno dall’altro, diversi quanto lo sono gli individui.
I geni non sono, di per sé, causa delle malattie croniche.
I geni sono certamente importanti nell'influenzare la nostra salute, ma non esiste affatto alcuna cosa come un "gene della malattia cronica", come una volta si era portati a considerare.  "Ereditato" non significa "inevitabile". I geni influenzano come noi reagiamo al nostro ambiente e ai nostri comportamenti individuali attraverso la cosiddetta "espressione genetica". I nostri geni ottengono messaggi dalle nostre interazioni con l'ambiente che ci circonda e le nostre scelte di stile di vita, e traducono questi messaggi in istruzioni cellulari; queste istruzioni sono ciò che poi controlla le nostre individuali espressioni di salute e malattia.

Non è l'età cronologica, ma quella biologica che conta.
C'è un mito popolare nella nostra cultura che ci fa ritenere che la malattia cronica sia una conseguenza naturale dell'invecchiamento e che più a lungo noi viviamo, più soffriremo di disturbi cronici che con l’età diventeranno sempre più severi. Questo, semplicemente, non è vero.
L’età cronologica si riduce a qualcosa chiamato "riserva d'organo". È come un conto di risparmio di capacità biologica extra che possiamo ritirare quando ne abbiamo bisogno. Ad esempio quando affrontiamo traumi, lesioni o stress. Mentre invecchiamo, perdiamo riserva d’organo. C'è semplicemente di meno nel nostro conto, questo significa che c'è una funzione ridotta da attingere nei momenti di bisogno.
Il tasso di velocità per cui perdiamo questa riserva è quello che più o meno costituisce il nostro individuale processo di invecchiamento biologico, ed è stato dimostrato che le persone perdono riserva d’organo a velocità differenti e quindi invecchiano in modo diverso. Tutti noi conosciamo cinquantenni che, biologicamente sembrano settantenni. Essi si sentono vecchi, sembrano vecchi, agiscono come vecchi. È anche possibile essere cronologicamente settantenni con l'età biologica di un cinquantenne medio.
Se potessimo ridurre la perdita di riserva d’organo man mano che invecchiamo, potremmo rallentare il nostro invecchiamento biologico e ridurre la quantità di malattie croniche, non inevitabili né necessarie, che invece sperimentiamo. Non solo potremmo aumentare l'attesa media di vita, potremmo anche allungare il nostro tempo di vigore e accorciare il nostro tempo d’infermità o invalidità. Come potremmo raggiungere questi obiettivi? Comportamenti di stile di vita.
Ricordate: La scienza ha meno conoscenze di quello che voi potreste pensare circa gli effetti a lungo termine di alcuni farmaci.
Si chiama polifarmacia la pratica di assumere contemporaneamente un certo numero di diversi farmaci per il trattamento di una diversa gamma di sintomi di un disturbo. Se si soffre di più di un disturbo — di diabete e artrite, per esempio — la polifarmacia si moltiplica ulteriormente. Cosa succede di conseguenza? Il risultato è che la malattia o le malattie continuano a progredire e peggiorare nel tempo.
Man mano che questo avviene, i sintomi diventano più gravi e sono necessari più farmaci per alleviarli. In effetti, questi pazienti diventano consumatori a vita di farmaci che sono stati espressamente progettati — e approvati dall'autorità di regolamentazione — per essere utilizzati per un tempo limitato, in modo di poter superare un evento e continuare a vivere.
Come funzionano i farmaci? Essi letteralmente bloccano o inibiscono alcuni passaggi metabolici, eccessivamente attivi, associati con i sintomi della malattia. Il problema è che la a volte un farmaco blocca un specifico target biologico che è importante per il normale funzionamento, in altre sedi, del nostro organismo.
Può essere che la pressione arteriosa si riduca, ma mantenendola ridotta il farmaco riduce la tua potenza sessuale. L'ulcera può essere sotto controllo, grazie al tuo farmaco antiulcera, ma esso può causare anemia. O il dolore dell’artrite può ora essere gestibile in conseguenza dei potenti antinfiammatori che stai prendendo, ma quegli stessi antinfiammatori possono contribuire al tuo rischio per malattie renali. E chissà quali altri impatti il bloccare quegli enzimi specifici potrà avere altrove, nei sistemi del tuo organismo!
Infatti, in molti casi, sappiamo tutto troppo bene. Lontano dal migliorare la propria vita, i pazienti possono letteralmente essere nelle condizioni di minare la propria esistenza, man mano che  continuano a prendere i farmaci, perché diventano sempre più sensibili alle reazioni avverse al farmaco.
Questo non significa che non esiste alcun valore nell'assunzione di farmaci specifici per gestire i sintomi della malattia cronica. Tuttavia, è meglio usare meno farmaci, alla dose più bassa possibile in grado di gestire questa condizione e per il minor tempo possibile.
Dieta, scelte ambientali e scelte di vita possono essere efficaci terapie per la gestione delle malattie croniche.
Cibo è informazione, e tutti devono mangiare. Allo stesso modo, ognuno di noi ha uno stile di vita e per certi aspetti — come quanto esercizio fate, fumate e bevete — può essere gestito direttamente. Ma non tutto può essere completamente controllato. Per esempio, ci possono essere tossine nel vostro ambiente di casa e di lavoro che non sono facilmente rimovibili. E l’unicità genetica svolge un ruolo importante — stile di vita, dieta e ambiente che sono ottimali per una persona potrebbero essere veleno per un’altra.
Jeffrey Bland, per decenni, da biochimico, ha condotto la sua ricerca nella creazione di programmi personalizzati di salute e ha studiati la ricerca di molti altri. Nel suo libro “ The Disease Delusion: Conquering the Causes of Chronic Illness for a Healthier, Longer, and Happier Life”, ha selezionato, setacciato e sintetizzato una base complessa e completa d’informazioni per offrire una guida atta a ritagliare un programma personalizzato che porterà a risultati ottimali.
Qui di seguito sono alcuni esempi di come si possano modificare le scelte alimentari, ambientali e di stile di vita:
  • Alimenti specifici possono influenzare la secrezione di sostanze da parte del sistema digestivo e in così facendo possono influenzare il rischio di varie malattie croniche. 
  • I più comuni sintomi di tossicità sono legati alla disfunzione del sistema nervoso e immunitario. 
  • Vari prodotti chimici ambientali, alcuni costituenti degli alimenti come il glutine, alcuni tipi di batteri intestinali e un certo numero di prodotti farmaceutici possono essere causa di malattie infiammatorie croniche. 
  • Sostanze fitochimiche in determinati alimenti vegetali e medicinali botanici hanno dimostrato di ridurre le condizioni infiammatorie croniche. 
  • I processi di lavorazione industriale alimentare rimuovono molte delle sostanze importanti regolatorie che influenzano positivamente la comunicazione cellulare. 
  • Specifici antiossidanti come vitamina E, selenio, vitamina C, coenzima Q10, acido lipoico e N-acetilcisteina possono proteggere contro i danni mitocondriali. 
  • Esercizi di allenamento incrociato che alternino fasi aerobiche ed anaerobiche aiutano a rafforzare la funzione mitocondriale e migliorare la produzione di energia cellulare.

Dovete sapere se il vostro medico è specializzato nella cura della salute o nella gestione della malattia.
Sempre nuova ricerca sta creando l'opportunità di avere successo nella prevenzione e nel trattamento di malattie croniche. 
In una relazione terapeutica di successo, medico e paziente lavorano insieme per creare salute, piuttosto che trattare la malattia. 
Per determinare se il medico è focalizzato sulla cura della salute o sulla gestione della malattia, qui ci sono cinque domande che dovete farvi:
  • Il vostro medico ha discusso la vostra dieta, il vostro grado di attività, l’ambiente del posto di lavoro e i modelli di stress con voi? 
  • Il vostro medico raccoglie una storia completa di salute, compresi tutti i segni e i sintomi? 
  • Il vostro medico vi chiede se la vostra salute generale è cambiata nell’ultimo anno? 
  • Il vostro medico cerca di discutere con voi su eventuali connessioni fra i vostri vari segni e sintomi che potrebbero rapportarsi a una causa specifica? 
  • Il vostro medico ha mai discusso con voi un programma di medicina personalizzata da condurre per tutta la vita? 

Le malattie croniche stanno diventando sempre più condizioni con cui dobbiamo vivere; sono comuni e complesse, con numerose cause difficili da specificare ma nessuna origine unica. Sempre di più di noi vivono con queste malattie, ed è una proposta costosa. 
Infatti, a meno che non implementiamo cambiamenti drastici, i numeri ci dicono che stiamo tutti precipitando a capofitto verso una vecchiaia fragile e malata, nella quale trascorreremo gran parte del nostro tempo andando da medici, facendo esami e ingurgitando pillole. 

Non deve accadere. Possiamo prendere cura della nostra salute per impostare le basi per una vera e propria rivoluzione nella cura della nostra esistenza.